Топ-100

Ozio

Il termine di inattività vagamente si riferisce a ciò che caratterizza un periodo di tempo più o meno lungo, durante il quale, occasionalmente o regolarmente per un personaggio che, per scelta o per costrizione, non svolgere alcuna attività particolarmente redditizia, come può accadere che si presenti nel caso della cosiddetta "dolce far niente" inteso come stato di ozio felice e spensierata".

image

1. La storia del concetto di. (The history of the concept of)
Prima furono i Greci a celebrare lozio, di collegamento, in particolare per le classi aristocratiche e dominante.
Sono stati esclusi da questo privilegio, prima di tutto, gli stranieri, o i membri delle classi inferiori. Le persone che si sono dedicate al lavoro manuale, come gli artigiani, non sono stati considerati in quanto mal dedicato allozio, che era alimentata dalla partecipazione alle attività teatrali, sportive o politiche. La parola ozio è stata espressa dai Greci con la parola σχολή scholḗ che, secondo uninterpretazione etimologico, significava inizialmente il "tempo libero", per la quale lozio indica il possesso di tempo per essere utilizzato in attività disinteressata, come lo studio è stato sicuramente il fine che la conoscenza o la contemplazione intima di se stessi
Nellantichità romano, il termine di cui per un periodo di tempo libero dagli affari e di negoziare lopinione pubblica e i politici che potremmo dedicare ad un contratto di lavoro che è interessato allo studio dellotium litteratum, o per il compimento dei loro doveri domestici o di cura del proprio patrimonio. Di conseguenza, lo schiavo, che per definizione è un instrumentum vocale, potrebbe non essere inattivo che è destinato solo per la produzione di materiale.
Per Catone il censore 234-149 a.C., al quale è attribuito il detto "lozio è il padre dei vizi", lotium, che non deve essere confuso, infatti, linerzia, cioè lassenza di ogni dellars e anche con la desidia, vale a dire la "star-seduti" è la migliore espressione delle antiche virtù romane, loperosità, in primo luogo, incarnato dal mos. Catone, infatti, che voleva che il forum è stato pavimentato con pietre taglienti, in modo da non interrompere i passanti romani, chiacchierare a vuoto come per eccesso di greci, molti di loro inattività, è convinto che
A parere di Catone, di conseguenza, si può essere grandi e non solo a fare, ma anche nellotium. Linsegnamento di questa accolti da Cicerone, che, paragonando il suo otium con quella di Cassio Longino: infatti, mentre questo ha impiegato il suo tempo libero nella lettura di preghiere, cera qualcuno più grande di lui che, come ha dichiarato con orgoglio, Cicerone, che impegnava il suo otium scriverle:
La travagliata età di Cesare, che è attraversato da gravi avvenimenti politici, è caratterizzata dalla comparsa di alcuni grandi scrittori come Gaio Valerio Catullo 84.C.Da -54 a.C., Tito Lucrezio caro 94.C 50.C., Cicerone, che esprimono nelle loro opere, la disillusione dei loro progetti politici. Catullo e Lucrezio, contribuiscono a creare la nuova figura dellintellettuale che rifiuta limpegno politico e lisola, di dedicarsi completamente alla letteratura. Catullo è profondamente otium nella poesia damore, come si è ormai capito da neoteroi, gli imitatori delle belle parole, aldershot. Lucrezio, dopo la crisi di valori sociali romani, lisola nellindividualismo epicureo che sostituisce lamicizia con la politica e si dedica alla ricerca della verità, utilizzando, come i primi filosofi greci, il linguaggio poetico è arcaico e solenne.
Cicerone ritiene lozio, lo studio delle arti liberali e del pensiero filosofico, come una caratteristica di un uomo libero che rende lo strumento di impegno sociale e politico. Scipione lAfricano, che nel De re publica è stata il modello di intellettuale e capo politico illuminato che non aveva mai abbandonato allotium, come anche nel tempo libero, Scipione pensato agli affari pubblici", nel De officiis di Cicerone confronta con la sua condizione di forzata assenza di dallattività politica, un impegno che poi trasfuso in quellotium intellettuale, che ha portato alla produzione di una grande opera filosofica:
Una scelta simile a quella di Cicerone, ma senza una macchina compatimenti e rimpianti, sembra essere quella di Sallustio 86.C.Da -35 a.C.:
Ora, in età imperiale, anche il poeta satirico Giovenale è critico con la tendenza dei suoi contemporanei di essere interessato solo nel tempo libero da dedicare agli spettacoli del circo, a coniare la famosa espressione" panem et circenses”. Ora lozio aveva cessato di essere un privilegio per le classi dominanti, diventando accessibile anche ai più poveri dei poveri, foraggiati dalle distribuzioni alimentari, libero.
Il primo ad affrontare una complessa e completa lozio è il filosofo romano Lucio Anneo Seneca in due dialoghi De brevitate vitae De otio. Secondo il suo schema di pensiero, di lozio sarebbe considerato come un sinonimo di vita ritirata, per cui luomo saggio deve necessariamente dare se stessi per non vivere in una società corrotta.
A questo punto, quindi lotium per il saggio diventa una necessità:
Con il cristianesimo, laccount dellozio, soffre di una svalutazione che nella teologia morale lozio è considerato come una trascuratezza dei propri doveri, la cui gravità dipende dalla dallimportanza di ciò che non è stato fatto. In questultimo senso nel cattolicesimo, si parla di accidia, che è, dellindolenza per fare del bene, considerato come uno dei sette vizi capitali. Il giudizio sulla negatività dellozio diventa particolarmente evidente con la riforma protestante, quando si afferma lidea della sacralità del lavoro, quando si genera buoni frutti, offre al credente la prova della benevolenza divina verso di lei.
Ancora una volta la pigrizia appropriato le classi dominanti, come in Gran Bretagna del XVIII e XIX secolo. Un vero e proprio teorico lozio è elaborata dal filosofo inglese Bertrand Russell nel suo saggio Elogio dellozio, in cui egli pone laccento sullimportanza di conoscenza inutile rispetto a quella pratica. Sarà infatti proprio questi "fannulloni", che si sono opposti ad una moltitudine di dipendenti, senza il tempo a disposizione, di creare nuovi orizzonti per la scienza, per la letteratura e la cultura in generale.
Una singolare concezione dellozio è quella elaborata dal figlio-in-law di Karl Marx, Paul quelli di lafargue, che era stato discepolo di Proudhon, e il fondatore, con Jules Guesde del Partito operaio francese. Nel suo opuscolo Il diritto allozio, pubblicato nel 1880, quelli di lafargue si oppone chiaramente la visione del marxismo, che ha considerato il lavoro come la più alta espressione delluomo e lo strumento del reclamo e riscossa sociale. Al contrario:
perché è proprio il lavoro che umilia lumanità, in modo che

2. Lozio nella cultura di massa. (Lozio in mass culture)
Una sottile analisi di tutti che non deve essere confuso con il concetto di semplice pigrizia è il lavoro Oblomov di Ivan Aleksandrovič Gončarov. Il protagonista del romanzo è lincarnazione non di otium litteratum, ma con lozio, ma non rappresenta pienamente: lindolenza, lapatia, la noia, la pigrizia, il rimpianto, lassistenza allinfanzia, vissuta nella memoria come unetà privo di responsabilità. Nonostante tutto, la vita di Oblamov sarà sereno e quasi felice, perché
Notevoli sono anche le opere dello scrittore umoristico inglese Jerome Klapka Jerome Tre uomini in barca Tre uomini erranti, i pensieri oziosi di un ozioso. Jerome K. Jerome ha contribuito a diffondere nella cultura di massa, lidea della positività dellozio, dagli spalti della rivista da lui fondata, Il Rinvio lettera: Il fannullone.
Nel 2005, il giornalista e scrittore britannico Tom Hodgkinson ha sviluppato anche un poster sullozio, con linserimento di punti di programma.
In Italia, possiamo ricordare la provocazione e beffardo del poeta del lazio, Giovanni Battista Marini, detto "Titta", che dopo la guerra fondò il club di lOpposto dellozio, con il logo di un granchio, si spezza una vanga e un programma per i soci chiamati "Ozzziosi" con tre zeta.
Sugli stessi temi, il filosofo Domenico De Masi ha pubblicato i libri Il futuro del lavoro. La fatica e il tempo libero nella società post-industriale e Lozio creativo, Rizzoli, Milano, 2002.
Nel 2012, il designer newyorkeseTim Kreider ha pubblicato un articolo sul New York Times intitolato "Occupato Trappola", in cui descrive le sue conoscenze, anche i bambini, esausto per il carico delle occupazioni, gli afflitti dallansia cronica, e dal senso di colpa per ogni minuto di inattività. Exchange tramite Skype con un collega che si era recentemente trasferito in Francia è loccasione per riflettere su questa condizione: il collega aveva sempre pensato di essere ansiosi e depressi, mentre in Francia per la prima volta scoperto di essere in grado di essere felice e aveva appena iniziato una relazione amorosa. Kreider descrive la sua giornata tipo come più "produttivo" di molte altre persone, proprio perché sfugge alla trappola dello stress, delle occupazioni continuare.

Voce principale: Ozio Il concetto di ozio creativo è stato elaborato dal sociologo Domenico De Masi. Nella società post - industriale in cui la creatività
Elogio dell ozio In Praise of Idleness and Other Essays è una raccolta di saggi a sfondo sociologico, filosofico ed economico pubblicata da Bertrand
L ozio come stile di vita lingua originale: How to be idle è un libro scritto da Tom Hodgkinson, direttore della rivista britannica The Idler vale
lentezza o ozio viene intesa nel senso latino del termine otium che sta a significare pienezza vitale Bertrand Russell Elogio dell ozio Milan Kundera
graffiti rinvenuti lungo le pareti, realizzati dai vigili nei momenti di ozio che risalgono alla prima metà del III secolo. Il sito in Trastevere è visitabile
gruppi creativi, la creatività come sintesi di fantasia e concretezza, l ozio creativo come sintesi di lavoro, studio e gioco. Accanto all insegnamento
il compositore pesarese fu rinchiuso nella sua camera, dopo sei mesi di ozio dal Barbaja che lo minacciò di non farlo uscire dall appartamento fino a
accidioso indica anche semplicemente una personalità particolarmente incline all ozio Pascal scrisse: l accidia è la risultante dell alterazione degli umori
Leisure ozio tempo libero in lingua inglese può riferirsi a: Leisure cortometraggio del 1976 diretto da Bruce Petty Leisure album dei Blur del
sconveniente per la morale sovietica, indicata come un esempio dell indulgente ozio del ricco Lui organizzò rischiose mostre con foto di donne seminude e fu
art - rock italiano Il Maniscalco Maldestro, pubblicato nel 2009. La mia vita in ozio Atavica fame Sorridi al muro Piede scalzo Ogni giorno Filastrocca sciocca

così da godere di maggiore tempo libero per dedicarsi alla famiglia, all ozio all hobbystica, ecc. Questa innovazione all interno delle filiere produttive
il titolo è tradotto con Ore d ozio o Saggi sull ozio Letteralmente il significato è Appunti presi durante le ore d ozio intendendosi questo termine
storicista si associò specialmente nelle costruzioni di carattere festivo, di ozio e piacere, come nelle sale per fumatori salones de fumar casinò, stazioni
rimanendo nella fattoria, scegliendo di non far più assolutamente nulla. Il suo ozio totale suscita ilarità o critiche da parte degli abitanti del vicino villaggio
A Gentleman of Leisure film del 1923 diretto da Joseph Henabery Un gentiluomo in ozio A Gentleman of Leisure romanzo di P. G. Wodehouse del 1910
di un lontano futuro, dove i pochi uomini rimasti trascorrono la vita tra ozio e divertimento, dimentichi delle più elementari nozioni del sapere. Ma ciò
Nietzsche, scritto nel 1888, e pubblicato nel 1889. Originalmente intitolato Ozio di uno psicologo, fu poi rinominato Crepuscolo degl idoli come si filosofa
tradimenti di lui. E di donna in donna e di avventura in avventura passa in ozio parecchi anni a Roma finché, un giorno, un telegramma dello zio Edmondo lo
didattica presso il seminario diocesano della città bifernina e al beato ozio di reminiscenza petrarchesca - fatto di studio, poesia e meditazione contemplativa