Топ-100

Linguistica educativa

La linguistica educativa è un settore delle Scienze del linguaggio che ha per oggetto la lingua vista in funzione del suo apprendimento, dellinsegnamento e dello sviluppo delle capacità semiotiche. Si occupa non solo di apprendimento e insegnamento delle lingue straniere, ma anche delle L1, delle lingue classiche, delle microlingue; considera inoltre fondamentale il legame tra la competenza nella L1 e quella nelle altre lingue.
Inoltre la disciplina ha come suo interesse lelaborazione di approcci, metodi e tecniche didattiche che servano a potenziare lapprendimento e linsegnamento linguistico.

1. Contatto tra litaliano e altre lingue in contesto migratorio
Tra gli interessi della disciplina si collocano il contatto tra litaliano le altre lingue in contesto migratorio, sia considerando litaliano lingua immigrata nello spazio linguistico di altri paesi e lingua di origine per i nostri emigrati allestero, sia considerando litaliano lingua di contatto per gli immigrati in Italia. In particolare, la Linguistica educativa ha elaborato vari strumenti per rilevare la presenza delle lingue immigrate allinterno dello spazio linguistico italiano e per realizzare mappature linguistiche del territorio italiano.

2. Il nome "Linguistica educativa"
Il nome della disciplina è stato coniato da Tullio De Mauro nel 2003 e rilanciato nello stesso anno da Massimo Vedovelli, su modello del nome Sociolinguistica educativa, a sua volta coniato dal sociolinguista Gaetano Berruto. Obiettivo della disciplina, al momento della sua fondazione, era quello di rappresentare - secondo le parole di Vedovelli - un "quadro concettuale entro il quale le diverse componenti e tradizioni della glottodidattica italiana possano trovare un terreno autenticamente condiviso di problematiche e prospettive". Il nome Linguistica educativa richiama inoltre il nome della disciplina nota in ambito anglosassone come Educational Linguistics.

3. I rapporti con la Glottodidattica e con altre scienze del linguaggio
La Linguistica educativa dialoga con la Glottodidattica, che ha lEducazione linguistica come comune materia di ricerca. Gli studiosi italiani che si riconoscono nella Linguistica educativa, come Massimo Vedovelli, Monica Barni, Cristina Lavinio, Silvana Ferreri, hanno aderito, insieme a Paolo Balboni e ai glottodidatti della scuola veneziana, alla Società di Didattica delle Lingue e di Linguistica educativa DILLE, che ha tenuto nel 2009 il suo congresso fondativo.
Tra le discipline del linguaggio con cui la Linguistica educativa intrattiene un rapporto molto stretto vi è inoltre la Linguistica acquisizionale. Molti tra i linguisti educativi hanno a lungo collaborato con i linguisti acquisizionali della scuola pavese.

ricondotta, come già ricordato, l attenzione precocissima per la linguistica educativa ed è forse questo il tratto della SLI più visibile nella società
la linguistica applicata la linguistica educativa la linguistica acquisizionale La glottodidattica viene spesso confusa con l educazione linguistica i
l Università La Sapienza di Roma nel 1976, è professore ordinario di Linguistica educativa e di Semiotica presso la Facoltà di Lingua e cultura italiana dell Università
e della ricerca del 22 ottobre 2004, n. 270. Il corso in Mediazione linguistica appartiene alla classe L - 12 del MIUR. Il corso è stato istituito nel
culturale e linguistica Nel caso di allievi di varia composizione linguistica o di immersione rivolta a studenti con uno status linguistico debole, il
Fantagrammatica nella didattica: l insegnamento del congiuntivo in Linguistica educativa a cura di S. Ferreri, Roma, Bulzoni, 2012, p. 371 Grammatica italiana
posizione Integrazione educativa Sfondo integratore Educazione differenziata Aspetti linguistici e interculturali Immersione linguistica e lingue veicolari
posizione Integrazione educativa Sfondo integratore Educazione differenziata Aspetti linguistici e interculturali Immersione linguistica e lingue veicolari
globalità delle sfere educativa sociale e politica guardando a tutti gli alunni e intervenendo sul contesto, sullo spazio educativo e sul soggetto. Essa
la pianificazione linguistica prende la forma di politica linguistica Molte nazioni hanno organismi di regolamentazione linguistica ad esempio la Direzione
verbali e non verbali c. un modello espitemologico per gli studi di linguistica educativa con il conseguente modello di organizzazione della conoscenza in