Топ-100

Mano nel gilet

La mano nel gilet è una postura del soggetto ripresa nei ritratti tra XVIII e XIX secolo che consisteva nel rappresentare una mano del raffigurato allinterno del suo gilet, tra il torso ed il ventre. Questo gesto, regolarmente associato alla figura di Napoleone Bonaparte, ha dato adito a diverse spiegazioni, dalle più plausibili alle più fantasiose.

image

1. Speculazioni sul gesto
Diverse furono le motivazioni, dalle più credibili alle più incredibili, che vanno a spiegare il perché Napoleone Bonaparte fosse solito porre la sua mano destra nel suo gilet.
Dolori allo stomaco
La prima e più famosa delle spiegazioni di questo gesto, ben esposta dallo storico Thierry Lentz, racconta il fatto che Napoleone fosse solito portarsi la mano al ventre a causa di una serie di dolori di stomaco, quasi a presagire la causa che lo avrebbe portato alla morte.

2. Le ragioni probabili
La postura è presente nei ritratti di diverse personalità e per essa si sono ritrovate due cause possibili:
Gesto delloratoria
Il gesto si ritrova nei ritratti ufficiali, una postura ispirata allattitudine del filosofo greco Eschine mentre teneva i suoi discorsi, già prima di Napoleone.
Questioni di costume
In epoca napoleonica era reputato come sconveniente il lasciar cadere le braccia pendenti lungo il corpo, anche perché i pantaloni non avevano delle tasche e pertanto gli uomini ponevano gli oggetti che dovevano portare con sé allinterno del proprio gilet; a questo costume si ispirò anche lo scrittore ed ecclesiastico Jean-Baptiste de La Salle nel suo Les règles de la bienséance et de la civilité chrétienne del 1702.

cheval de la Garde impériale dove si ritrova la sua caratteristica mano nel gilet gesto che verrà poi ripreso in quasi tutti i ritratti di Ingres, David
colorato, o in pelle, corto davanti e con due falde dietro, e mostrava il gilet in tinta diversa. Caratteristica iniziale fu il collo montante, poi trasformatosi
redingote e bicorno, con la mano destra nel gilet Nel 1833 Luigi Filippo decise di trasformare la reggia di Versailles nel musée de l Histoire de France
nuvoletta Ugola o Howler cane inventore con un gilet giallo e un cappello da cui esce una mano robot con l oggetto più utile in quel momento. Dolcezza
posta in avanti, il viso rivolto verso lo spettatore, la mano destra nascosta sotto il gilet Tra i mobili presenti nello studio si riconosce una sedia
con la mano destra che si intrufola in modo signorile nell elegante gilet e quella sinistra pigramente accostata sulla sedia. Quest ultima mano in particolare
fattezze simili a un babbuino. Alcuni sfondi degli interni, e i motivi dei gilet indossati da Kingpin, inoltre, si richiamano alle decorazioni in uso nella
fazzoletto bianco al collo e un gilet che a stento contiene la sua pancia prorompente e presenta le gote infiammate: con la mano sinistra, infine, regge un
posto del copricapo di piume e di una redingote o un frac al posto di un gilet di seta rossa o azzurra. La danza viene rappresentata la settimana precedente
chiamato Jacket per la sua somiglianza nei moderni modelli per l appunto ad un gilet In emersione, il jacket è gonfiato per essere usato come ciambella di ausilio
d America: la corona di piume da guerra, pelle di daino frangiata, mini gilet in pelo d animale, gonnellini, mocassini e lunghi capelli legati in due
corallo. L abito tradizionale maschile è costituito da copricapo, camicia, gilet nero Su Cossu Sas Ragas o in alternativa dei pantaloni in orbace calzoni